Non scordiamoci le cinture di sicurezza posteriori!

Se ti sei perso lo scorso articolo sulla differenza tra una vettura a benzina ed una ibrida, clicca qui per leggerlo!

Oggi invece, vogliamo parlarti dell’importanza di usare correttamente le cinture di sicurezza alla guida.

Seppur oramai indossare la cintura è entrato a tutti gli effetti parte integrante della nostra routine quotidiana quando saliamo in macchina, in Italia si fatica ancora ad allacciare le cinture posteriori. Soprattutto quando carichiamo più di un passeggiero, dovendo inevitabilmente usufruire anche dei sedili posteriori della nostra vettura.

13131425_o_5e8489bc5a278

Tutte le aziende automobilistiche, hanno attualizzato diverse accortezze per evitare che gli autisti, esulino dalle loro responsabilità: il più comune tra tutti è un feedback sonoro a intermittenza o statico il quale continuerà a suonare finché tutti i passeggeri non abbiano indossato la cintura di sicurezza correttamente.

Ma ripercorriamo un po’ di storia:

In Italia, l’11 aprile 1988, esattamente 32 anni fa, sulla Gazzetta Ufficiale veniva pubblicato il decreto che ne disciplinava l’obbligatorietà: la legge 111 del 18 marzo 1988 prevedeva l’obbligo di installare e utilizzare le cinture di sicurezza anteriori rispondenti a omologazione a bordo dei veicoli.

L’obbligo delle cinture di sicurezza posteriori, invece, è in vigore in Italia nel 2006, con il decreto legislativo n. 150 sui sistemi di sicurezza stradale

Cosa rischiamo se non allacciamo le cinture di sicurezza?

L’articolo 172 del Codice della Strada disciplina l’obbligatorietà dell’utilizzo delle cinture di sicurezza posteriori ed anteriori e dispone testualmente come sia obbligatorio per tutti, conducenti e passeggeri dei veicoli, il loro utilizzo.
Invece, per i bambini di statura inferiore ad 1.50m devono essere adottati sistemi di ritenuta omologati ed adeguati al loro peso.

Se si trasportano passeggeri minorenni in macchina, e questi non utilizzano le cinture di sicurezza posteriori sarà il conducente a rispondere del mancato utilizzo qualora sull’auto non sia presente il soggetto tenuto alla sorveglianza del minore stesso.

Analogamente, il conducente che permette ai passeggeri, specie se minorenni, di viaggiare senza cinture di sicurezza posteriori o sistemi di ritenuta, può essere considerato responsabile di parte dei danni fisici subiti dagli stessi.

Il mancato rispetto del dettato normativo comporta l’applicazione di una sanzione pecuniaria e la sottrazione di punti dalla patente.

Nello specifico, l’articolo 172 comma 10 stabilisce come chiunque non faccia uso delle cinture di sicurezza e dei sistemi di ritenuta per bambini sia soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da 80 euro a 323 euro, oltre alla decurtazione di 5 punti dalla patente di guida.

Qualora il conducente incorresse, in un periodo di due anni, in una delle violazioni indicate al comma 10 per almeno due volte, all’ultima infrazione consegue la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente da quindici giorni a due mesi.

Ricapitolando quindi:

Non indossare la cintura di sicurezza comporterà una sanzione amministrativa

La sanzione pecuniaria va da 80 a 323 euro.

A pagarla è colui che non indossa la cintura di sicurezza, a meno che a viaggiare senza cintura sia un minore.

Quindi:

1) Se il conducente guida senza cintura va incontro alla multa da 80 a 323 euro, oltre alla decurtazione di 5 punti della patente;

2) Se il passeggero maggiorenne viaggia senza cintura, la sanzione è a suo carico (ma non gli vengono tolti punti dalla patente);
se ci sono minori senza cintura la multa è a carico del conducente. Tuttavia, qualora sul veicolo sia presente un soggetto tenuto alla sorveglianza del minore (come un genitore), è su quest’ultimo che ricade la responsabilità della violazione.

3) Se un conducente viene beccato senza cintura per più di una volta in un periodo di due anni, scatta la sospensione della patente da quindici giorni a due mesi.

Quanto riportato è applicato sia ai passeggeri che viaggiano nel vano anteriore, sia per quelli seduti sui sedili posteriori.

Se vuoi accedere alla lista dei nostri veicoli disponibili in pronta consegna, clicca qui

Pubblicato da: Di Santo Matteo

Postato il 15 dicembre

Compila i campi per ricevere maggiori informazioni e per rimanere aggiornato con le nostre promozioni

I campi contrassegnati con * sono obbligatori.



Condividi